Raggiungere la tua visione utilizzando un processo di gestione strategica.

Credo che la pianificazione strategica sia più che un semplice elenco di obiettivi aziendali da raggiungere. Creare un processo di gestione strategica con un piano ben strutturato da fiducia nel futuro, porta  l’azienda a una crescita sostenibile e permette di mantenere il focus sulla strategia senza perdere tempo nelle attività di gestione.

Quale struttura ha un piano strategico?

Mettendo a confrontando le seguenti tre aree, si avrà una panoramica generale della direzione che la tua azienda dovrà prendere.

  • Dove siamo ora? Rivedi la tua posizione strategica attuale e chiarisci la tua mission, vision e i tuoi valori.
  • Dove stiamo andando? Stabilisci il tuo vantaggio competitivo. Guarda chiaramente la direzione verso cui è diretta la tua organizzazione.
  • Come ci arriveremo? Disegna la strada per connetterti dove sei ora dove stai andando. Stabilisci obiettivi strategici, obiettivi di business e azioni, quindi decidi come vuoi eseguire il tuo piano.

Di quali parti deve essere costituito un Piano Strategico?

È facile confondersi con tutte le diverse parti di un piano strategico, se ti senti perso, la lista che ti propongo è uno schema che ti permetterà di mettere insieme il tuo piano strategico.

Un piano strategico efficace include le seguenti parti:

  • Dichiarazione della Mission: definisce lo scopo principale dell’organizzazione rispondendo alla domanda, perché esistiamo?
  • Dichiarazione della Vision: spiega dove sei diretto, il tuo stato futuro. Formulare un quadro di ciò che sarà il futuro della tua organizzazione e dove è diretta. Come sarà la tua organizzazione tra 5 e 10 anni?
  • Dichiarazione dei Valori o Principi guida: chiarire cosa si intende e in che cosa credere.
  • SWOT: valuta i punti di forza, i punti di debolezza, le opportunità e le minacce che sono strategicamente importanti alla tua organizzazione.
  • Vantaggio competitivo: definisce ciò in cui sei megliore. Cosa può fare potenzialmente meglio la tua organizzazione rispetto a qualsiasi altra organizzazione?
  • Obiettivi strategici: collega la tua mission alla tua vision. Gli obiettivi strategici sono aree strategiche continue a lungo termine che ti consentono di passare dalla tua mission al raggiungimento della tua vision. Quali sono le attività chiave che devi svolgere per raggiungere la tua vision?
  • Strategie: stabilire una guida che corrisponda ai punti di forza della tua organizzazione con opportunità di mercato e posizionare la tua organizzazione nella mente del cliente. La tua strategia combina i tuoi punti di forza con il modo in cui fornirai valore e sarai percepito dai tuoi clienti?
  • Obiettivi / priorità / iniziative a breve termine: impostare obiettivi che convertano gli obiettivi strategici in obiettivi di performance specifici. Gli obiettivi specifici indicano chiaramente cosa, quando, come e chi deve fare e sono misurabili. Quali sono gli obiettivi da 1 a 3 anni che stai cercando di raggiungere per concretizzare i tuoi obiettivi strategici?
  • Elementi / piani di azione: imposta piani di azione specifici che portano all’implementazione dei tuoi obiettivi. I tuoi elementi di azione sono abbastanza completi per ottenere e raggiungere i tuoi obiettivi?
  • Scorecard: misura e gestisce il tuo piano strategico. Quali sono le principali misure di performance che puoi seguire per monitorare se stai raggiungendo i tuoi obiettivi?
  • Valutazione finanziaria: determinare se il piano strategico ha un senso finanziario. Le proiezioni dei ricavi stimati superano le spese stimate?

Le insidie nella pianificazione

La pianificazione strategica riguarda tanto la pianificazione quanto l’esecuzione. Evita queste insidie nella pianificazione e avrai un piano strategico che è un documento vivente che respira.

  • Mancanza di una proprietà: la ragione più comune per cui un piano fallisce è la mancanza di un proprietario. Se le persone non hanno un interesse e una responsabilità nel piano, saranno cose, come al solito, per tutti tranne che per pochi frustrati.
  • Mancanza di comunicazione: il piano non viene comunicato ai dipendenti che non capiscono in che modo stanno contribuendo.
  • Essere impantanati nella vita di tutti i giorni: proprietari e manager, consumati da problemi operativi quotidiani, perdono di vista gli obiettivi a lungo termine.
  • Fuori dall’ordinario: il piano viene considerato come qualcosa di separato e rimosso dal processo di gestione.
  • Un piano travolgente: gli obiettivi e le azioni generate nella sessione di pianificazione strategica sono troppo numerosi perché la squadra non ha fatto scelte difficili per eliminare azioni non critiche.
  • Un piano privo di significato: le dichiarazioni di vision, mission e valore sono considerate “fuffa” se non sono supportate da azioni o non hanno un buy-in da parte dei dipendenti.
  • Strategia annuale: la strategia viene discussa solo nei ritiri annuali del fine settimana.
  • Non si considera l’implementazione: l’implementazione non è discussa nel processo di pianificazione strategica. Il documento di pianificazione è visto come fine a se stesso.
  • Nessun rapporto di avanzamento: non esiste un metodo per tenere traccia dei progressi. Nessuno si sente allineato e sa dove si trova.
  • Nessuna responsabilità: sono necessarie responsabilità e alta visibilità per guidare al cambiamento. Ciò significa che ogni misura, obiettivo, origine dati e iniziativa devono avere un proprietario.
  • Mancanza di responsabilizzazione: sebbene la responsabilità possa fornire forti motivazioni per migliorare le prestazioni, i dipendenti devono anche avere l’autorità, la responsabilità e gli strumenti necessari per influenzare le misure pertinenti. Altrimenti, potrebbero resistere al coinvolgimento e alla proprietà.

Linee guida per una buona strategia

Hai bisogno di un controllo veloce per vedere se la tua strategia è sana? Ecco le linee guida per una buon processo di pianificazione strategica. Assicurati che la tua strategia:

  • Stabilisca una proposta di valore unica rispetto alla concorrenza.
  • Viene eseguita attraverso operazioni che forniscono valore diverso e personalizzato ai clienti.
  • Identifica chiari compromessi e chiarisca cosa non fare.
  • Si concentra su attività che si integrano e si rafforzano a vicenda.
  • Favorisce il miglioramento continuo all’interno dell’organizzazione e lo sposta verso la sua visione.

Fare della strategia un’abitudine

Il processo di pianificazione strategica non è lineare; è circolare. Non è solo un evento una tantum, deve diventare un’abitudine. Usa i seguenti suggerimenti per incorporare i concetti nella tua organizzazione.

  • Preparati per il processo di pianificazione strategica
  • Articola la tua mission e vision
  • Controlla la tua posizione strategica
  • Accetta le priorità
  • Organizza il piano
  • Identifica le azioni successive
  • Distribuisci il piano
  • Assegna le responsabilità a tutti

Dopo aver letto questo articolo avrai tutti gli elementi per realizzare la tua vision. Se hai bisogno di un confronto o qualcuno che ti aiuti a svilupparla non ti resta che contattarmi, un punto di vista distaccato può essere chiarificatore su molti aspetti.

Non dimenticarti di iscriverti alla newsletter per raggiungere il successo strategico.

Per Approfondimenti contattare:

Michele Riderelli

Scrivendo a: info@micheleriderelli.com

Telefonando al: +39 339 1331657

Oppure compila il modulo

1 + 2 = ?